Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il Design: una storia tra arte e industria

Un breve percorso di avvicinamento al mondo del design che illustra alcune tappe fondamentali nella storia a partire dall’industrial design.

Iniziando dal libro a stampa, che costituì a partire dal XVI secolo il primo prodotto riproducibile in serie, si parlerà di come il gusto estetico nelle diverse epoche abbia influenzato anche la produzione industriale.

Dall’età vittoriana all’Art Decò, dall’International Style al design italiano andremo alla scoperta di come e perché siano nati alcuni oggetti iconici ancora oggi presenti nel nostro quotidiano.

5 Incontri bisettimanali da febbraio ad aprile 2024:

Primo incontro mercoledì 21 febbraio ore 18.15
Industrial Design: cosa si intenda con questa definizione e quali siano le differenze con la produzione artigianale della tradizione.

Partendo dall’invenzione della stampa a caratteri mobili di Gutemberg (1452) vedremo come il libro a stampa, nato dalle esigenze della cultura umanistica, sia stato il primo prodotto riproducibile in serie e quindi destinato non più ad un singolo committente ma ad un pubblico più vasto. Attraverso le diverse epoche storiche vedremo come il prodotto libro sia stato influenzato nelle sue forme e nella distribuzione dalla società e dalle variazioni del gusto.

Con la Rivoluzione Industriale, a partire dal XVIII secolo e in particolare in Inghilterra, si assiste ad una vera e propria rivoluzione scientifica e tecnologica ma anche sociale che comporterà l’introduzione di prodotti nuovi in cerca di una conciliazione tra estetica e funzionalità: gli “useful objects”. Paradigmatico in questo senso è la produzione delle ceramiche Wedgewood. Con l’Età Vittoriana e la fondamentale Great Exhibition di Londra del 1851 il prodotto industriale troverà, pur tra mille contraddizioni, la sua consacrazione. Emblematica la vicenda Thonet, con l’innovazione tecnica che porterà a prodotti di facile riproducibilità distribuiti a livello mondiale, nei quali la fase progettuale assume un ruolo ormai fondamentale.

Secondo incontro mercoledì 6 marzo ore 18.15
L’Art Nouveau, tra arte e industria

Terzo incontro mercoledì 20 marzo ore 18.15
Bauhaus e Art Deco

Quarto incontro mercoledì 3 aprile ore 18.15
L’International Style americano e il minimalismo scandinavo

Quinto incontro mercoledì 17 aprile ore 18.15
Il Design italiano: dagli esordi al boom economico in particolare a partire dal secondo dopoguerra. Il nostro paese infatti per ragioni storiche e sociali subì in campo industriale una situazione di arretratezza rispetto alle altre nazioni europee, in particolare Inghilterra e Germania. Questo divario inizierà ad essere colmato nel primo dopoguerra soprattutto nel campo dei trasporti e della meccanica con aziende quali Fiat, Olivetti, Magneti Marelli e Necchi e poi negli anni Cinquanta e Sessanta, quando, complice il boom economico, l’Italia arriverà ai vertici del Design internazionale. Gio Ponti, Marcello Nizzoli, Franco Albini, Luigi Caccia Dominioni, Livio e Pier Giacomo Castiglioni, Vico Magistretti, Gae Aulenti sono solo alcuni tra i nomi famosi a livello mondiale i cui oggetti sono tuttora icone simbolo di innovazione e stile italiano.

Tutti gli incontri saranno in presenza e in diretta streaming su piattaforma zoom. Inoltre sarà possibile acquistare la registrazione integrale di ogni lezione.

Costo di ogni incontro 15 euro. Corso dell’intero corso 75€. Sconto 20% per i possessori di Carta Abbonamento Musei in corso di validità.

Per informazioni e prenotazioni scrivere a info@museoartescienza.com o telefonare a 02.72022488

Potrebbero interessarti:

Milano Museo City 2024

Visita guidata | Il gioco e la lavagna Visita guidata alla mostra fotografica “Il gioco e la lavagna” che ci trasporta nel mondo dei….

Finding Leo – contest artistico

LA TUA OPERA IN UN MUSEO Finding Leo è un percorso didattico dedicato agli studenti dagli 11 ai 18 anni, strutturato in 4 Fasi….

Mercoledì serata al MAS

Da mercoledì 14 febbraio 2024 il museo apre le sue sale una sera alla settimana fino alle 20 per permettere proprio a tutti di….